046919.jpg

Guarneri Anita Beatrice

“Commissario G., Questura di Brescia e Anita Beatrice Guarneri, colloquio del 22 aprile 2020”, compitò l’uomo sistemandosi pesantemente sulla sedia, poi s’infilò una sigaretta tra le labbra. “Pensavo non si potesse fumare”. Il commissario diede un’occhiata indifferente al cartello di divieto alle sue spalle: “Infatti”, si accese la cicca. “Allora, Anita, che ha fatto?”, “Proprio niente.”, “Non conosceva la vittima?”, “Sì che la conoscevo. Ha frequentato un mio corso di scrittura.”, “Al…”, il commissario si passò una mano sulla testa calva, scartabellando tra i documenti, “Centro San Clemente, qui a Brescia?”, “Sì.”, Anita sorrise.

Si guardarono entrambi per un lungo momento, come pistoleri.

“Ma lei non ha frequentato un’Accademia?”, “Scultura.”, “E che c’entra con la scrittura?”, “Sempre lavoro creativo è.”

Oddio, la creatività, pensò il commissario alzando lo sguardo al cielo. A quella reazione l’uomo vide un lampo di rabbia passare negli occhi della donna, che però si ricompose in fretta. Il commissario G. strinse gli occhi.

“Sempre sorridente, eh.”, “Oh, sì.”, “E che ci faceva con un cric nel bagagliaio?”, “In caso mi si buchi una gomma?”, “Lei sa cambiare una gomma?”, “Insolito, eh?”, “Fa la spiritosa?”, “Per carità.”, “E come mai pulito con la candeggina?”, “Era sporco.”, “Di cosa?”, “Un po’ di questo, un po’ di quello.”, “Non bastava un po’ d’acqua?”, Anita si strinse ancora una volta nelle spalle.

“Strano che il poveretto sia stato ammazzato con una cric, eh?”, “Come faccio a sapere con cosa l’hanno ammazzato?”. Il commissario strinse le labbra in una smorfia. Stronzetta. “E dov’era venerdì pomeriggio?”, “A casa mia”, Anita si scrutò le unghie cortissime, “Ora dovrei andare.”, “Non ho finito.”, “Invece sì. Non sono mica in arresto.”

Il commissario ruggì nella mente una serie irripetibile di bestemmie per tutti i Law;Order in giro.

“L’ultima cosa”, disse, mentre la donna si alzava, “Come sono questi corsi?”, “Oh, stimolanti! Le piacerebbero. A me piace molto farli.”, “E i corsisti sono simpatici?”, “Certo.”, “Sempre?”, “… quasi.”

Anita Guarneri nasce a Cremona nel 1988 e si laurea in Scultura a Brescia all’Accademia di Belle Arti Santagiulia. Prima e dopo il diploma accademico esplora gli ambienti creativi con diverse esposizioni sul territorio, mettendosi al lavoro con opere sia plastiche sia scritte. Ha al suo attivo la partecipazione a raccolte letterarie con l’editrice Limana Umanita e la pubblicazione online di una serie di brevi racconti con Th3Story. Dal 2015 tiene corsi di scrittura creativa a Brescia (con il Centro San Clemente) e a Cremona.

Nuovi corsi 2020

Ogni anno il Centro San Clemente organizza oltre 250 corsi di ragioni e interessi diversi.

Tutti i corsi

Corsi Interattivi Online
Ovunque, come in aula

I corsi si svolgono in aule virtuali sulla piattaforma Google Meet. I docenti insegnano in diretta, esattamente come in un’aula fisica, interagendo con ogni singolo partecipante.

Informazioni