San Clemente, riprende la scelta tra cento corsi

Bresciaoggi: 09/01/2009


L’OFFERTA. Aperte le iscrizioni, le lezioni prenderanno il via nel corso di gennaio. Cinque le aree tematiche.

Il Centro linguistico culturale San Clemente ha presentato la nuova «collezione inverno-primavera» e apre le iscrizioni per i cento corsi al via questo mese. Cinque le aree tematiche: lingue, informatica, arte e musica, hobby e manualità. A completare la gamma c’è l’ambito che contiene diverse tipologie di argomenti legati alla cultura, alla comunicazione e al benessere. Nelle sessanta materie contenute nel secondo catalogo dell’anno scolastico, se pur in numero inferiore rispetto al primo, spiccano numerose novità come il corso di cultura classica, di storia della moda, di make up con prodotti naturali e infine, richiestissimo dalle mamme, di trucco per teen-ager. Sulla scia delle ultime tendenze « vintage », sono tornate alla ribalta anche attività un po’ retrò come l’uncinetto e la maglia, anch’esse novità.

COME HA SPIEGATO la responsabile organizzativa Elisa Remondina, per riuscire a soddisfare tutte le richieste, è da cinque anni che il San Clemente presenta due cataloghi, il primo più nutrito e il secondo di chiusura, meno impegnativo. «I dati relativi all’ultimo anno confermano che il Centro è la realtà formativa principale nella provincia - ha sottolineato il direttore Giovanni Lodrini -. San Clemente è l’università popolare bresciana, frequentata da tantissime tipologie di persone, diverse per età, grado di formazione e professione».

L’eterogeneità dei frequentanti è evidente se si analizzano brevemente le caratteristiche delle quasi 2.700 persone iscritte nel 2008: la città e la provincia si contendono il primato, dividendosi quasi equamente il totale degli iscritti. Di questi più della metà sono donne e una fetta in costante crescita è rappresentata dalle aziende, che chiedono al centro corsi su misura. La fascia d’età più attiva è quella che va dai 20 ai 50, con un pari merito tra la fascia 20-30 e 40-50, superato di poco dalla decade 30-40.

I VENTENNI sembrano prediligere i corsi informatici e linguistici, mentre sono meno attirati da quelli culturali e artistici, snobbando di netto il settore legato all’hobbistica e alla manualità. Curioso è invece vedere come dai 30 ai 40 anni le percentuali si suddividono quasi equamente tra le diverse aree di interesse, con una singolare impennata (ben il 40 per cento delle preferenze) sugli hobby. I quarantenni invece sembrano prediligere l’ambito culturale e linguistico, mentre apprezzano meno l’informatica e l’hobbistica. Cinquantenni e i sessantenni sono attivi in tutti e cinque gli ambiti, questi ultimi interessati soprattutto all’arte e alla musica e, con un po’ di sorpresa, anche all’informatica.

Facendo un bilancio, il San Clemente mantiene il primato di iscrizioni nell’area per la quale fu fondato nel 1951, quando il vescovo di Brescia volle dar vita a corsi per promuovere l’apprendimento delle lingue e favorire l’inserimento degli emigranti italiani nei paesi che li accoglievano. Va a gonfie vele anche l’area culturale, della comunicazione e del benessere. Nonostante il centro rilasci la Patente europea del computer, l’ambito dell’informatica ha registrato solo il 7 per cento, dal 2009 sicuramente in crescita per gli investimenti che hanno portato la cooperativa di gestione Vincenzo Foppa ad allestire sette aule informatiche.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.centrosanclemente.it.

Michela Bono

Nuovi corsi 2017

Ogni anno il Centro San Clemente organizza oltre 250 corsi di ragioni e interessi diversi.

Tutti i corsi

Corsi su misura

Il Centro San Clemente organizza "corsi personalizzati su misura" per singole persone o piccoli gruppi.

Informazioni

Corsi per le aziende

San Clemente per l'azienda.
Formazione permanente per l'impresa.

Informazioni